Bielorussia: manifestanti arrestati e picchiati

Security before the 'Freedom Day' in Minsk

© ANSA/EPA

In Bielorussia si sono scatenate le proteste “di anziani senza nulla per vivere” – afferma Svetlana Aleksievic, la scrittrice bielorussa Nobel per la letteratura 2015 che continua “Questa è una rivolta per il pane”.

Una rivolta costata l’arresto a 400 manifestanti, finiti in manette a Minsk con ‘accusa di aver organizzato proteste non autorizzate.

Erano in 700 a manifestare nella Capitale nella marcia convocata nel “Giorno della libertà” contro il presidente Alexander Lukashenko, in carica dal 1994.

Le proteste proseguono da febbraio, e sono state scatenate dalla cosiddetta “legge anti-parassiti” che obbliga chi lavora meno di sei mesi l’anno a versare allo Stato 20 mensilità al minimo sindacale, ora congelata da Lukashenko.

Secondo gli attivisti per i diritti umani, durante le manifestazioni di piazza, alcuni dimostranti “sono stati picchiati e feriti” dalle forze di sicurezza.

 

La Redazione

No comments.

Leave a Reply


5 − 1 =