Centinaia di Rohingya uccisi per mano delle forze di sicurezza birmane

Amnesty International invita ad unirsi al suo appello per il perseguimento delle  forze di sicurezza birmane responsabili dell’uccisione di centinaia di persone nell’ambito di una campagna sistematica per espellere dal paese la minoranza musulmana dei Rohingya.

L’organizzazione umanitaria spiega che le forze di sicurezza birmane hanno circondato villaggi, sparato su persone in fuga e poi dato alle fiamme le case, facendo morire carbonizzati gli anziani, gli ammalati e i disabili, impossibilitati a scappare.

Sono piu’ di 580.000 mila i Rohingya fuggiti in Bangladesh dal 25 agosto scorso.

Fonti: www.ansa.it
   

No comments.

Leave a Reply


8 + = 13