“Coraggio”: Amnesty International contro le violenze sui difensori dei diritti umani

Quando, nel 1998, l’Assemblea generale delle Nazioni Unite adottò la Dichiarazione sui difensori e sulle difensore dei diritti umani, la comunità internazionale s’impegnò a proteggere e riconoscere l’importanza del lavoro di queste persone.

Un rapporto di Amnesty International pubblicato oggi dimostra invece come occuparsi di diritti umani continui a essere un’attività estremamente pericolosa: nei due decenni trascorsi dal 1998, almeno 3500 difensori e difensore dei diritti umani sono stati uccisi o fatti sparire da attori statali e non statali.

Secondo l’organizzazione non governativa Frontline defenders, solo nel 2016 sono stati uccisi nel mondo almeno 281 difensori e difensore dei diritti umani, quasi il doppio rispetto all’anno precedente. Il numero reale è probabilmente assai più elevato, dato che molte delle vittime possono non essere state identificate come tali.

I motivi alla base dell’accanimento contro i difensori e le difensore dei diritti umani sono molteplici. Alcuni sono presi di mira a causa della loro occupazione (come nel caso di avvocati, giornalisti o sindacalisti), altri perchè oppositori a potenti attori che violano i diritti umani, altri ancora per aver condiviso informazioni o per aver aumentato la sensibilità sulle questioni relative ai diritti umani.

L’obiettivo  è ridurre al silenzio coloro che si ergono contro l’ingiustizia o che sfidano interessi potenti.

Invece di difendere chi difende i diritti umani, molti leader nel mondo li mettono in pericolo attraverso campagne diffamatorie e la manipolazione del sistema giudiziario o etichettandoli come soggetti contrari agli interessi nazionali.

Per questo, nell’ambito della sua campagna “Coraggio”, Amnesty International sta sollecitando tutti gli stati a dare priorità al riconoscimento ed alla protezione dei difensori e delle difensore dei diritti umani. Le autorità statali devono appoggiare pubblicamente il loro lavoro e riconoscere il loro contributo all’avanzamento dei diritti umani. Inoltre, devono prendere tutte le misure necessarie per impedire ulteriori attacchi nei loro confronti e portare alla giustizia i responsabili  attraverso indagini e procedimenti giudiziari efficaci.

Fonte: http://www.corriere.it/

 

No comments.

Leave a Reply


+ 4 = 6