Le breaking news di oggi

ZikaFeverMapArriverà domani in Italia il corpo di Giulio Regeni, il ricercatore ucciso al Cairo. Del caso si occuperà la procura di Roma. L’Italia ha anche inviato un gruppo di investigatori in Egitto. Il corpo di Regeni, un ricercatore di 28 anni scomparso il 25 gennaio, è stato ritrovato ieri in un fosso a Giza, alla periferia del Cairo. Per la polizia si è trattato di un incidente stradale, ma la procura egiziana sostiene che sul cadavere di Regeni c’erano segni di tortura. Il ragazzo, che scriveva con uno pseudonimo per il Manifesto, aveva detto di sentirsi in pericolo perché era in contatto con sindacalisti e oppositori del regime di Al Sisi.

La detenzione di Julian Assange è illegale, dichiara l’Onu. Sono state rese pubbliche le conclusioni della commissione delle Nazioni Unite che indagava sul caso del fondatore di Wikileaks, che si è rifugiato nell’ambasciata dell’Ecuador nel giugno 2012 dopo che le autorità svedesi hanno chiesto la sua estradizione per un presunto caso di violenza sessuale. Secondo l’Onu, il Regno Unito e la Svezia devono liberare Assange il prima possibile. Il governo svedese e quello britannico hanno dichiarato che non sono d’accordo con la decisione delle Nazioni Unite.
Al Shabaab riprende il controllo della città portuale di Merca, in Somalia. Le truppe dell’Unione africana si sono ritirate stamattina. Merca, che si trova a 70 chilometri da Mogadiscio, è adesso la città più grande a essere sotto il controllo del gruppo jihadista.
Zika, l’appello dell’Onu: “I paesi più colpiti autorizzino contraccezione ed aborto”. L’alto commissariato per i Diritti Umani: “Garantire la salute di tutti”. L’alto commissario delle Nazioni unite per i Diritti umani, Zeid Raad Al Hussein, ha fatto sapere che garantirà alle donne in questi paesi anche consulenza su salute sessuale e riproduttiva. Ma soprattutto ha rivolto un invito ai governi e parlamenti: “Le leggi e le politiche che restringono il loro accesso a questi servizi devono essere riviste con urgenza, allineandosi agli obblighi internazionali sui diritti umani per garantire il diritto alla salute per tutti”, ha affermato Al Hussein. Quando contratto da donne in gravidanza il virus sarebbe collegato alla microcefalia, malformazione che fa nascere i bambini con il cranio più piccolo del normale.
La malattia che viene trasmessa da zanzare portatrici è stata registrata ormai in più di 24 Paesi, soprattutto in America Latina e nei Caraibi.
A Pozzallo i migranti vengono accolti nel degrado. La gestione del centro di prima accoglienza della città siciliana è così carente da indurre Medici Senza Frontiere a svolgere il suo lavoro.
Fonti: http://www.internazionale.it
http://www.repubblica.it/
Print Friendly, PDF & Email

No comments.

Leave a Reply