Panoramica sui diritti umani in Argentina

Di seguito vedremo una breve panoramica sulla situazione dei diritti umani in Argentina, osservando il livello di libertà di stampa e di sviluppo umano.

Milagro Sala dirigente politica arrestata nel gennaio 2016 con modalità poco trasparenti

Milagro Sala, dirigente politica arrestata nel gennaio 2016 con modalità poco trasparenti.

Panoramica Generale
Secondo il World Report 2015 di Human Rights Watch, l’Argentina gode di un dibattito pubblico vivace, ma le leggi attuali e proposte minacciano la libertà di espressione. Nelle carceri, le condizioni di detenzione sono deplorevoli; le forze dell’ordine spesso usano eccessivamente la forza contro i manifestanti; la violenza contro le donne è endemica; e le popolazioni indigene non godono dei diritti previsti dalla legge.

L’Argentina continua a fare progressi significativi in materia di diritti LGBT e nel perseguire i responsabili per gli abusi commessi nel paese durante la “guerra sporca” (1976-1983), anche se i processi hanno subito ritardi. Il 10 dicembre 2015, dopo aver vinto le elezioni, Mauricio Macri è diventato il nuovo Presidente argentino.

Libertà di stampa
Secondo il World Press Index Freedom (la classifica del grado di libertà di cui giornalisti, mezzi di informazione e netizen – i cittadini di Internet – godono in ogni paese), su 180 paesi l’Argentina è il 57° paese per libertà di stampa, mantre l’Italia si trova al 73° posto.

I media argentini fino al 2015 sono rimasti divisi tra quanti che sostenevano il governo e quelli di proprietà privata che si opponevano. L’ex Presidente Cristina Kirchner ha concesso poche conferenze durante il suo mandato per evitare di discutere questioni spinose. Nel 2013, la Corte Suprema ha respinto una riforma costituzionale sui Servizi di Comunicazione, una legge destinata a migliorare la libertà di informazione, ma il gruppo media Clarín ha continuato a resistere ai tentativi del governo per la sua attuazione. Anche se ancora rari a confronto con altri paesi dell’America Latina, gli attacchi fisici ai giornalisti sono aumentati dal 2014 e spesso sono rimasti impuniti. I funzionari pubblici non esitano a usare la censura o addirittura costringono a limitare la copertura di questioni delicate, in particolare nelle province.

Sviluppo Umano
Secondo il Rapporto sullo Sviluppo Umano 2015 compilato dall’Organizzazione delle Nazioni Unite, l’Argentina ha un Indice di Sviluppo Umano relativamente alto, si trova infatti al 40° posto in classifica su un totale di 188 stati (l’Italia è al 25° posto). Per quanto concerne l’Indice sulla Disuguaglianza di Genere, l’Argentina risulta invece al 75° posto su 155 paesi: questo principalmente perché nel paese la rappresentanza delle donne nella vita politica è ancora insufficiente, il tasso della mortalità materna registra ancora la morte durante il parto di 69 donne ogni 100.000, e perché la partecipazione delle donne nel mercato del lavoro raggiunge il 47,5% rispetto al 75% della popolazione maschile.

In conclusione, negli ultimi decenni l’Argentina ha fatto progressi nel rispetto dei diritti umani, in particolare per quanto riguarda la libertà di stampa. Nonostante ciò, ci sono diversi aspetti relativi alla salvaguardia dei diritti umani da approfondire, come la lotta alla violenza e la disuguaglianza di genere, il rispetto delle popolazioni indigene e del diritto a manifestare.

Flaviano Tarducci

Print Friendly, PDF & Email


Flaviano Tarducci, nato in Argentina e cresciuto a Bologna. Laureato in relazioni internazionali nel Regno Unito, attualmente vive a Milano e si occupa di giornalismo ed informatica. Interessato alle tematiche sui diritti umani, al loro rispetto e diffusione.

No comments.

Leave a Reply